Imparare Il Pianoforte: coordinare le mani

Benvenuto in questo articolo dedicato ad imparare il pianoforte nel quale ti spiegherò come fare per imparare a coordinare le due mani sulla tastiera, indispensabile per imparare il pianoforte bene.

Nel momento in cui tu metti insieme le mani per imparare il pianoforte devi aver studiato molto bene le mani separatamente, una volta fatto questo puoi provare ad unirle. In questo caso ti consiglio di provare a leggere le due mani insieme per 2 battute del brano e non di più, per non confonderti nell’imparare il pianoforte.

Porto la tua attenzione sull’importanza che ha sapere bene le mani separatamente come note, come intervalli, come alterazioni e come durata dei suoni per poter imparare il pianoforte bene.

Appena ti senti pronto inizia suonare le prime 2 battute a mani unite, dopo che le hai studiate separatamente. La cosa che devi subito vedere è di essere sicuro delle note, nel senso che se non sai gli intervalli, le alterazioni e le cose che abbiamo detto in precedenza sarà difficile avere un’ idea chiara del ritmo della battuta.

Ricorda che l’esecuzione comprende molti fattori quali le note giuste e il ritmo giusto. Quindi accertati da subito di fare le note giuste soprattutto nel caso che fossero presenti dei salti con note molto lontane. Questo è molto importante per partire col piede giusto per imparare il pianoforte.

Successivamente fai attenzione a rispettare la durata delle note. Intendo che se una nota vale 2/4 dovrai farla valere quel tempo, non di più e non di meno. Se insieme alla nota di 2/4 ce n’è una di 1/4 vuole dire che dovrai tenere la nota che vale due quarti ancora per un quarto. Se ti viene qualche dubbio ti consiglio di solfeggiare.

Sono argomenti prettamente teorici per cui forse richiedono più di una lettura ma è proprio la base per poter imparare il pianoforte correttamente. In ogni caso se non ti è chiaro qualcosa puoi sempre postare un commento, scrivermi via mail o tramite skipe, affronteremo l’argomento insieme.

Dopo aver fatto questo guarda bene se ci sono legature di valore e fai attenzione a rispettarle. Dopo aver unito le due mani seguendo queste indicazioni e dopo esserti accertato che hai acquisito una certa praticità aggiungi altre 2 battute seguendo gli stessi consigli Successivamente unisci le 4 battute imparate e fai pratica su quelle, non andare avanti se vedi che hai delle incertezze.

Nel caso avessi qualche difficoltà o con la mano destra o con la mano sinistra mentre suoni a mani unite, fermati e studia nuovamente a mani separate la mano che ha difficoltà perchè è importantissimo per imparare il pianoforte bene.

Non pensare che rimettersi a studiare con una sola mano sia un passo indietro, non lo è perchè intanto hai fatto esercizio quindi non ti demoralizzare e vai avanti, perchè stai proseguendo al meglio nell’imparare il pianoforte.

Concludendo:

accertati che tutte le note siano giuste
rispetta la durata delle note
rispetta le legature di valore se ci sono
se incontri difficoltà con una mano studiala ancora da sola finchè non sei sicuro
se hai qualche dubbio sul tempo solfeggia
Piano piano vedrai che acquisirai sempre più sicurezza e scioltezza. Ti ricordo sempre di studiare anche solo 10 minuti ma tutti i giorni, altrimenti rischi di vanificare il lavoro che fai e di dover cominciare a imparare il pianoforte da capo.

Dicci come la pensi, commenta questo articolo dedicato ad imparare il pianoforte!

A presto

Cristina

 

Share this article

Comments

  • Lorenzo
    31 luglio 2011

    Ciao Cristina, volevo chiederti quando vedo sullo spartito C so che cosa significa, ma non so a quando bpm andare, se non specificato sullo spartito, ciao grazie

  • 31 luglio 2011

    Ciao Lorenzo, non ho capito cosa intendi per bpm
    Cristina

  • Lorenzo
    31 luglio 2011

    Ciao scusa forse non sono stato chiaro, bpm sarebbe la velocità dell’esecuzione, esempio a 100 bpm oppure a 85 insomma per impostare il metronomo allora non capisco questo, grazie ancora

    • 31 luglio 2011

      Ok, dipende dallo spartito. Non sempre è segnato il metronomo, però solitamente all’inizio l’autore indica se vuole che il brano sia fatto lento, veloce ecc.
      Per esempio un moderato non è molto veloce, dipende da quello che l’autore vuole. A quale brano ti riferisci? Riesco forse ad esserti più d’aiuto…..
      Cristina

  • Tino
    8 aprile 2012

    Scusate ma dov’è la quarta parte?